Conferenza “Technology & Humanism”

          Il 15 novembre 2018 l’Ambasciata del Giappone, in collaborazione con l’Istituto Giapponese di Cultura in Roma, ha organizzato la conferenza “ Technology & Humanism” tenuta dal professor Takanori Shibata, Chief Senior Research Scientist del Human Informatic Research Institute National Institute of Advanced Industrial Science Technology (AIST). Durante la conferenza il professore, partendo dall’esempio pratico del robot dalle sembianze di un cucciolo di foca, PARO, ha affrontato il tema del ruolo dei robot nella società contemporanea e sui possibili sviluppi futuri. Successivamente, ha risposto alle domande dei circa 100 astanti che hanno potuto anche interagire con PARO. Per l’Ambasciata ha partecipato il vice capo missione, ministro Akihiko Uchikawa, con un saluto iniziale. Era presente inoltre la professoressa Patrizia Marti del Dipartimento di Scienze Sociali, Politiche e Cognitive dell’Università di Siena la quale ha parlato della ricerca congiunta svolta con il professor Shibata.
          Quest’anno ricorre il 30° anniversario dalla stipula dell’Accordo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra il Giappone e l’Italia. D’ora in avanti questa Ambasciata intende impegnarsi nella promozione della comprensione del Giappone contemporaneo attraverso la diffusione dell’immagine del Giappone quale paese innovativo nel campo della robotica.
 
【PARO】http://paro.jp
          Nel 2002 PARO è entrato nel Guiness dei Primati come “Miglior robot a scopo terapeutico del mondo”. PARO ha le sembiaze di un cucciolo di foca della Groenlandia. Grazie all’elevato numero di sensori e alla dotazione di intelligenza artificiale, è in grado di rispondere alla chiamata di una persona e di esprimere gioia se viene abbracciato, le sue espressioni, in grado di stimolare i cinque sensi e i movimenti simili a quelli di un vero animale, permettono di tranquillizzare le persone e di confortarle.
          PARO, oltre ad avere gli stessi effetti benefici della pet therapy, presenta anche molti vantaggi dovuti al fatto che si tratti di un robot. Negli Stati Uniti la FDA (Food & Drug Administration) lo ha certificato come dispositivo medico, è utilizzato in molte strutture mediche e strutture di assistenza, ha effetti benefici sia sui bambini affetti da autismo sia su persone anziane affette da demenza e gode di ottima fama. Anche in Giappone c’è grande interesse per i risultati terapeutici ottenuti con PARO e attualmente sta andando avanti la sua introduzione nel campo della cura e dell’assistenza.
 
 
 
              Il prof. Shibata durante delle riprese                   Saluto del vice capo missione min. Uchikawa

 
              Pubblico durante la conferenza                             Il pubblico interagisce con PARO